HOW TO SHOP

1 Login or create new account.
2 Review your order.
3 Payment & FREE shipment

If you still have problems, please let us know, by sending an email to support@website.com . Thank you!

SHOWROOM HOURS

Mon-Fri 9:00AM - 6:00AM
Sat - 9:00AM-5:00PM
Sundays by appointment only!

TRADUZIONE ASSEVERATA: COS’È, QUANDO FARLA, CHI PUÒ FARLA

24 Gennaio 2018 / Published in Traduzioni
Post Image

La traduzione asseverata, detta anche traduzione giurata, può servire in molti casi. Ma cos’è esattamente e quando è effettivamente necessario farla?

In questa guida troverai le definizioni e tutti i passaggi essenziali per capirne di più.

Prendiamo l’esempio di un trasferimento all’estero per lavoro. A quel punto vorrai utilizzare la tua patente di guida e probabilmente avrai bisogno di rendere valido il tuo diploma o il tuo certificato di matrimonio.

Ecco che inizierai a sentir parlare di concetti come “traduzione giurata”, “apostille”, “traduttore iscritto all’albo”, a ricevere preventivi che ti sembreranno altissimi e continuerai a doverti muovere di ufficio in ufficio.

Quindi, che fare?

Di seguito, ecco uno schema che spiega sinteticamente le procedure burocratiche e le figure coinvolte, facendo un po’ di chiarezza nella confusione che sembra regnare sovrana.

Gli argomenti dell’articolo

  • La procedura della traduzione giurata (o asseverazione)
  • Che cos’è
  • Quando serve
  • Chi effettua il giuramento
  • Come si svolge la traduzione giurata
  • Dove fare la traduzione giurata
  • Costo della traduzione giurata
  • Traduzione giurata con apostille
  • La traduzione asseverata

La procedura della traduzione giurata (o asseverazione)

Che cos’è

L’asseverazione è un atto pubblico, necessario per dare valore legale ad un documento tradotto in un’altra lingua.
Tramite il giuramento in Tribunale si certifica che il contenuto della traduzione corrisponde alla versione originale del documento stesso. Per questo si parla anche di traduzione giurata.

Quando serve

L’asseverazione della traduzione di un documento si rende essenziale:

●       quando si vuole rendere legalmente valido un documento in lingua straniera sul territorio italiano. In questo caso è obbligatoria la traduzione del contenuto in lingua italiana;

●       quando si vuole certificare un documento in uno Stato estero. In questo caso l’asseverazione è un passaggio inevitabile per la successiva legalizzazione (la procedura con cui viene autenticata la firma apposta dal pubblico ufficiale sul documento).

Vorrei sottolineare un aspetto importante su questo punto.

In Italia non è possibile giurare traduzioni da una lingua straniera ad un’altra senza aver fatto almeno una traduzione in italiano. Per esempio, se devo fare la traduzione giurata di un certificato dall’inglese al francese, prima lo dovrò tradurre dall’inglese all’italiano e giurare questa prima traduzione; poi tradurre dall’italiano al francese e giurare la seconda volta.

Chi effettua il giuramento

Il giuramento può essere effettuato da:

●       un traduttore madrelingua (può essere lo stesso che ha tradotto il documento);

●       un professionista (traduttore, interprete, perito) iscritto all’Albo dei Consulenti Tecnici d’Ufficio (CTU) presso il Tribunale di competenza;

●       un professionista (traduttore, interprete, perito) iscritto all’Associazione Periti ed Esperti della Camera di Commercio dell’Industria e dell’Artigianato di competenza.

Chi può fare le traduziuoni

In Italia, quindi, per procedere con una traduzione giurata basta essere un traduttore professionista, conoscere la lingua di partenza e la lingua di arrivo e recarsi di persona all’ufficio giudiziario con il documento originale (o la fotocopia), la rispettiva traduzione da asseverare e firmare il Verbale di giuramento. Ovviamente, questa persona dev’essere maggiorenne e portare con sé anche un documento di identità in corso di validità per essere identificata.

Di conseguenza, attraverso l’asseverazione tutti i traduttori possono dare valore legale a documenti tradotti.

Nel nostro Paese, infatti, non esiste l’Albo Professionale dei traduttori ed interpreti. Si tratta di una figura non riconosciuta dallo Stato italiano.
Esiste invece l’Albo dei Consulenti Tecnici d’Ufficio (CTU) presso il Tribunale delle città. Non si tratta di un vero albo di categoria, quindi i traduttori iscritti non hanno hanno un titolo aggiuntivo rispetto a chi non è iscritto.

Nel caso in cui si voglia svolgere l’incarico di periti linguistici del tribunale come assistente del giudice, invece, l’iscrizione a questo albo è necessaria.

In alcuni casi, inoltre, le Ambasciate e i Consolati stranieri in Italia richiedono questa registrazione.

Come si svolge la traduzione giurata

In ogni caso, il traduttore si deve presentare personalmente davanti a un funzionario dell’Ufficio del Giudice di Pace, presso il Notaio o presso il Tribunale e giurare che la traduzione corrisponde all’atto originale. Firmando il Verbale di giuramento, egli si fa carico di ogni responsabilità penale cui potrebbe andare incontro rilasciando false dichiarazioni.
Il Verbale di giuramento viene firmato anche dal Cancelliere del Tribunale o dal Funzionario Giudiziario.
Non è invece necessaria la presenza dell’intestatario del documento.

Dove fare la traduzione giurata

Il giuramento di traduzione si può effettuare in qualsiasi tribunale italiano a prescindere dal luogo in cui è stato emesso il documento.

Costo della traduzione giurata

Dopo aver capito cos’è una traduzione giurata ti starai chiedendo quanto costa.
Come qualsiasi altra traduzione, dipende: dal tipo di documento, dalla sua lunghezza e dalle lingue da tradurre. A ciò si deve aggiungere una marca da bollo da 16,00 € ogni 100 righe.

Traduzione giurata con apostille

Dopo la traduzione giurata si può procedere anche con la legalizzazione (o apostille).
Bisogna recarsi presso la Procura della Repubblica, ossia gli uffici del pubblico ministero del tribunale ordinario, del tribunale per i minorenni o del tribunale militare, e farsi apporre un timbro che certifica e legalizza la firma del Cancelliere o del Funzionario Giudiziario sul Verbale di giuramento.

Spesso, le norme del Paese di destinazione impongono che la traduzione sia autenticata da un Ministero, una Camera di Commercio o un consolato per avere effetto legale. A volte, è necessario anche apporre una postilla. In base allo Stato di destinazione del documento, verrà usato il timbro di apostille dell’Aja o di Legalizzazione.

La traduzione asseverata

Queste sono le indicazioni utili per capire cos’è una traduzione giurata e cosa è necessario fare per validare i tuoi documenti.

Spesso, anche le azioni che sembrano più semplici possono rivelare ostacoli e difficoltà. Per questo motivo, il mio consiglio è quello di affidarsi ad un professionista della traduzione, specializzato in giurisprudenza.

Se hai bisogno di un consiglio o vuoi chiedermi un preventivo contattami

Facebookshare Twittertweet LinkedInshare

SIGN IN YOUR ACCOUNT TO HAVE ACCESS TO DIFFERENT FEATURES

CREATE ACCOUNT

FORGOT YOUR DETAILS?

TOP